Blog COMICS » marzo 30, 2014

Daily Archives: marzo 30, 2014

Uncategorized

Auguri Batman, il 30 marzo 1939 veniva pubblicata la prima strip del personaggio

Published by:

settantanove anni fa, la prima strip di Batman su Detective Comics numero #27, storico numero in cui appare per la prima volta il Cavaliere Oscuro!

Da quel giorno ad oggi sono passati ben sette decenni e un lustro e, nonostante tutto questo tempo, la popolarità di Batman ha continuato a crescere fino ad arrivare a vette di assoluto splendore! Ovviamente, come succede per ogni compleanno degli eroi/supereroi americani più famosi, i grandi network d’informazione si sono gettati a capofitto nella notizia anche se, rispetto ad altre occasioni, quest’anno è stato Bleeding Cool a dare la notizia in maniera molto più simpatica ed esaustiva del solito. Ed è proprio da Bleeding Cool che ho preso le immagini di questo post interamente dedicato a Batman dove, come andremo a vedere tra un po’, parleremo di quel numero di Detective Comics #27 in maniera molto dettagliata…quasi maniacale, se così vogliamo dire!

Detective Comics #27: Batman e James Gordon ci sono!

 

Ogni fan che si rispetti di Batman sa perfettamente che, nel numero #27 di Detective Comics,Bob Kane e Bill Finger introdussero il personaggio di Batman tra le fila dei fumetti pubblicati dalla rivista della National Allied Publications che, proprio in onore della pubblicazione e del personaggio del Cavaliere Oscuro, cambiò successivamente nome in Detective Comics Incorporated. Tralasciando quella che poi sarebbe diventata ufficialmente la DC Comics, è bene qui ricordare (ancora una volta) che Finger non risultava tra gli autori della strip, visto che Kane era l’unico legato alla National Allied Pubblications con un contratto di collaborazione attiva. Sapete tutti che a Finger verranno riconosciuti i meriti della creazione di Batman solo verso la fine degli anni sessanta e la metà degli anni settanta, ma è giusto appuntare questa cosa proprio per la caratura artistica e professionale di un autore da sempre molto ignorato come il vecchio Bill.

Batman fu protagonista della cover del numero #27 di Detective Comics che, come potete vedere, recava la prima azione eroica del personaggio. Inserita tra le sessantaquattro pagine di fumetti, la prima storia di Batman vedeva anche la prima apparizione del detective James Gordon che, insieme al miliardario Bruce Wayne, è sicuramente il protagonista più longevo delle storie del Cavaliere Oscuro. In questo contesto, quindi, direi che l’uscita del serial Gotham della Fox può essere vista anche come tributo al detective di Gotham City, da sempre un po’ bistrattato dai vertici della casa editrice americana!

Chiudo il capitolo dedicato a Detective Comics #27 con due note di colore pubblicate da Bleeding Cool, che ha corredato l’articolo dedicato a Batman con delle immagini davvero molto significative. Come potete vedere, qui sopra ho riportato il promo dedicato alla prima apparizione di Batman pubblicato su Action Comics #12, che usciva una settimana prima di Detective Comics. Sempre su Bleeding Cool, ho trovato l’immagine relativa alla pubblicazione della testata nel catalogo della Copyright Entries del 1939, dove venivano registrate tutte le nuove uscite relative alle opere letterarie, musicali, teatrali, cinematografiche e pubblicitarie.

Batman nel 2014: cosa è diventato il Cavaliere Oscuro?

 

Mi son posto qui un paio di domande: alla luce di settantacinque anni di pubblicazioni, cosa è cambiato dal 1939 ad oggi nella storia editoriale di Batman? Cosa è diventato oggi il Cavaliere Oscuro?

Parlare di un personaggio così longevo è davvero molto difficile anche perché, nel corso dei decenni appena trascorsi, il personaggio ha subito delle modifiche sostanziali che l’hanno reso sempre più aderente al periodo storico in cui si inserivano le sue storie. Pensare che il Batman di oggi sia uguale allo stesso personaggio di settantacinque anni fa non è corretto, ma è anche vero che alcune delle sue caratteristiche sono rimaste immutate nel tempo, a dimostrazione di come una buona idea possa sopravvivere anche a distanza di decenni dalla sua concezione. Cosa è rimasto quindi del Batman del 1939? A parte i personaggi, alcuni dei suoi splendidi gadget (come il Batrang, ad esempio) e il concetto stesso di super-detective sono, e restano, alcuni dei tratti distintivi del personaggio che non sono mai stati tralasciati dagli autori che si sono cimentati nel raccontare le avventure del Cavaliere Oscuro.

Ed è proprio grazie alla linea tracciata da Kane e Finger che oggi, a distanza di così tanti anni, Batman è diventato un’icona cross-mediale di successo: i suoi videogames vendono tantissimo, i suoi film sono sempre stati campioni d’incasso e i suoi fumetti, ancora oggi, riescono ad appassionare e divertire una moltitudine sconfinata di lettori! Batman è quindi un personaggio che resiste al passare del tempo senza troppi problemi ed anzi, e qui alcuni si arrabbieranno, il Cavaliere Oscuro se la passa sicuramente meglio di Superman!

Concludo questo lunghissimo post dicendo che, almeno secondo me, Batman è diventato esattamente quello che doveva essere: un’icona oscura di giustizia e speranza! Auguri Batman!